NewsRassegna Stampa

La Polonia taglia le accise sui carburanti, i tedeschi assaltano le pompe al confine.

Varsavia ridurrà anche l’Iva per far fronte alla forte inflazione. Per ogni pieno si possono risparmiare dai 15 euro in su.

La riduzione delle tasse sul carburante in Polonia, e quindi del prezzo del pieno, ha portato a un “turismo della benzina” nel Paese. Gli automobilisti provenienti dalla Germania stanno attraversando il confine per fare rifornimento dopo aver appreso che potrebbero risparmiare fino a 30 centesimi di euro al litro su benzina e diesel.

Addirittura diversi giornali locali tedeschi hanno pubblicato un glossario di termini utili in polacco per assicurarsi che chi si dirige nella nazione non usi la pompa sbagliata, visto che ci sono dei nomi dei diversi tipi di carburante, mentre in Polonia stanno aprendo nuovi distributori di benzina per rifornire i turisti, con segnaletica in tedesco e pagamenti accettati in euro. Il turismo del carburante transfrontaliero è diventato più attraente per le persone che vivono nel Brandeburgo orientale, il Land vicino al confine, con l’adozione di nuove misure progettate per limitare l’impatto della più alta inflazione polacca degli ultimi due decenni, riporta Märkische Allgemeiner. Le misure includono un taglio delle accise al minimo Ue, che sarà seguito il primo gennaio da un abbassamento dell’Iva sul carburante.

La differenza di prezzo potrebbe ammontare a 30 centesimi al litro, il che significa 15 euro per un normale serbatoio da 50 litri. Offre inoltre ai lettori un manuale sugli equivalenti polacchi dei nomi dei diversi tipi di benzina e diesel disponibili nelle stazioni di servizio per evitare incidenti a chi non conosce la lingua. Sebbene i prezzi siano saliti a livelli record in Polonia, gli aumenti in Germania non sono stati inferiori. Il costo medio di un litro nel 2020 è stato di 1,57 euro, rispetto a 1,29 euro dell’anno precedente, osserva Business Insider. Oltre al carburante più economico, i conducenti spesso ritirano anche grandi quantità di sigarette, che continuano ad essere molto più economiche nella nazione.

Fonte amp.today.it

Mostra di più

Articoli Correlati

Back to top button