NewsRassegna Stampa

Allarme siccità, nuova ordinanza del sindaco di Gubbio: maxi multe ai trasgressori

Il provvedimento resterà in vigore fino al 30 settembre. Le regole

Allarme siccità. Il sindaco di Gubbio, Filippo Mario Stirati, firma una nuova ordinanza contro gli sprechi d’acqua. “In considerazione delle scarse piogge invernali registrate, inferiori a quelle degli scorsi anni, delle elevate temperature di questi giorni e dell’ormai quinquennale ciclicità delle emergenze idriche, che preannunciano una stagione estiva particolarmente difficile – spiega la nota del Comune di Gubbio – , il sindaco ha emesso un’ordinanza per evitare ogni possibile criticità al settore agricolo, alle strutture extralberghiere e agli impianti sportivi, vietando l’uso dell’acqua erogata dall’acquedotto pubblico per scopi diversi da quello potabile e igienico-sanitario”.

Per il periodo che va dal 21 giugno al 30 settembre 2022 è previsto “il divieto di prelievo dalla rete idrica di acqua potabile per scopi diversi da quelli domestici e igienico-sanitari” e “il divieto di prelievo dalla rete idrica di acqua potabile per l’irrigazione di orti, giardini, cortili, strade private, lavaggio di veicoli, riempimento di piscine e fontane ornamentali”.

I prelievi di acqua dalla rete idrica, prosegue il Comune, “saranno consentiti esclusivamente per gli usi domestici, idropotabili, igienico-sanitari, zootecnici e per tutte le altre attività ugualmente autorizzate per le quali necessiti l’uso di acqua potabile; sono inoltre consentiti il riempimento di piscine oggetto di attività commerciale o associativa, l’irrigazione di strutture sportive sempre destinate a dette attività e i servizi di autolavaggio regolarmente autorizzati soltanto previo contatto con il gestore del Servizio idrico al fine di concordare modalità e precauzioni necessarie. Sono infine consentite dall’ordinanza firmata dal sindaco le attività dei servizi pubblici di igiene urbana per le quali, comunque, dovranno essere assunti comportamenti utili a contenere gli sprechi”.

Fonte perugiatoday.it

Mostra di più

Articoli Correlati

Back to top button