NewsRassegna Stampa

Il Pakistan quadruplicherà la produzione di elettricità dal carbone

Il piano di Islamabad non è quello di costruire nuove centrali a gas

Il Pakistan prevede di quadruplicare la sua capacità di generazione di energia elettrica a carbone per ridurre i costi di produzione di energia e non costruirà nuovi impianti a gas nei prossimi anni mentre cerca di alleviare una paralizzante crisi valutaria.

Lo ha detto il ministro dell’Energia del Paese in un’intervista esclusiva a Reuters.

Il servizio di notizie ha aggiunto: “La carenza di gas naturale, che fornisce oltre un terzo della produzione di elettricità del paese, ha lasciato all’oscuro vaste aree lo scorso anno. Un forte aumento dei prezzi globali del gas naturale liquefatto (GNL) a seguito di un afflusso della Russia in Ucraina e una grave crisi economica hanno reso il GNL inaccessibile per il Pakistan.

Il GNL non fa più parte del piano a lungo termine”, ha detto a Reuters il ministro dell’Energia pakistano Khurram Dastgir Khan, aggiungendo che il paese prevede di aumentare la sua capacità energetica interna a carbone a 10 gigawatt (GW) a medio termine da 2,31 GW a destra Ora.

Il piano del Pakistan di passare al carbone per fornire ai suoi cittadini un’elettricità affidabile evidenzia le sfide dell’elaborazione di efficaci strategie di decarbonizzazione in un momento in cui alcuni paesi in via di sviluppo stanno lottando per mantenere i propri sistemi energetici.

Reuters aggiunge: “Oltre alle centrali a carbone, il Pakistan prevede anche di aumentare la sua flotta di centrali solari, idroelettriche e nucleari, ha detto Dastgir, senza elaborare. Se gli impianti proposti venissero costruiti, potrebbe aumentare il divario tra la domanda di elettricità del Pakistan e la capacità di generazione di energia installata, il che potrebbe costringere il paese a fermare le centrali elettriche…

Non è stato subito chiaro come il Pakistan avrebbe finanziato il parco carbonifero proposto, ma Dastgir ha affermato che la creazione di nuove centrali elettriche dipenderà dall'”interesse degli investitori”, che prevede di aumentare una volta dimostrata la fattibilità delle centrali a carbone di nuova costruzione.

Le istituzioni finanziarie in Cina e Giappone, che sono tra i maggiori finanziatori di blocchi di carbone nei paesi in via di sviluppo, negli ultimi anni si sono ritirate dal finanziamento di progetti sui combustibili fossili sotto la pressione degli attivisti e dei governi occidentali”.

Fonte europeantimes.com – Articolo di Gastone de Persigny

Mostra di più

Articoli Correlati

Back to top button