NewsRassegna Stampa

Covid19, ristori non dovuti per calo di fatturato, 2 gestori di impianti di carburanti denunciati a Palermo

Adesso ci sono anche i furbetti dei ristori. Avevano dichiarato di avere subito un’ingente perdita di fatturato, a seguito della crisi economica causata dall’emergenza Covid 19, percependo illecitamente un contributo di quasi 90 mila euro. Due titolari di due distributori di benzina di Palermo sono stati denunciati per indebita percezione di erogazioni in danno dello Stato dalla Guardia di finanza del Comando provinciale che ha anche richiesto il sequestro di beni per un valore equivalente alla somma incassata.
I finanzieri del nucleo di polizia economico finanziaria di Palermo, nell’ambito delle attività finalizzate a contrastare i tentativi di speculazione sulle forme di ristoro previste per le imprese e per le persone in difficoltà a causa del Covid 19, hanno analizzato i flussi finanziari e i movimenti bancari degli impianti di carburante accertando che i titolari da A.A. di 29 anni e D.M. di 32 anni, per ottenere i contributi previsti, avevano dichiarato falsamente di avere subito perdite di fatturato.

La ricostruzione del reale volume d’affari dell’azienda, infatti, ha consentito di appurare l’indebita percezione facendo emergere lo sperpero del contributo ottenuto per spese di carattere personale che nulla avevano a che fare con l’attività di impresa. La procura ha emesso due decreti di sequestri preventivi d’urgenza convalidati dal gip per 89.700 euro. I due gestori hanno presentato per via telematica, un’istanza all’Agenzia delle Entrate. L’ammontare del ristoro viene, poi, calcolato applicando una percentuale sulla differenza tra il fatturato del mese di aprile 2019 e quello del mese di aprile 2020, a condizione che la contrazione sia comunque superiore ai due terzi. I controlli effettuati hanno invece dimostrato come gli indagati avrebbero indicato nell’istanza presentata un fatturato di circa 10 volte inferiore rispetto a quello effettivo. D.M. ha percepito un contributo di 55.414 euro mentre ad A.A. 34.342 entrambi non dovuti.
Il tempestivo intervento delle Fiamme Gialle palermitane e della Procura della Repubblica ha consentito l’immediato sequestro delle somme illecitamente ottenute prima che potessero essere disperse.
L’odierna attività conferma come la Guardia di Finanza, con il coordinamento della locale Procura della Repubblica, continui ad operare quale polizia economico-finanziaria a forte vocazione sociale, assicurando – soprattutto in questo periodo di grave emergenza sanitaria ed economica con cui si sta misurando il nostro Paese – la tutela degli operatori economici onesti e rispettosi delle regole.

Fonte blogsicilia.it – Articolo di Ignazio Marchese

Mostra di più

Articoli Correlati

Back to top button