NewsRassegna Stampa

ExxonMobil, BP, Shell, Chevron e Total: il Covid perfora i conti delle Big Oil.

Le cinque supermajor integrate, ExxonMobil, BP, Shell, Chevron e Total, hanno registrato una perdita record cumulata di 76 miliardi di dollari nel 2020

La flessione portata dalla pandemia Covid-19 e l’accelerazione della transizione energetica hanno creato una nuova realtà per l’industria mondiale del petrolio e del gas, la cui produzione raggiungerà il picco più basso e prima del previsto secondo quanto mostra un’analisi di Rystad Energy. Le cinque supermajor integrate – ExxonMobil, BP, Shell, Chevron e Total – hanno registrato una perdita record combinata di 76 miliardi di dollari nel 2020.

MAGGIOR PERDITA DOVUTA ALLE SVALUTAZIONI
La maggior parte di questa perdita, 69 miliardi di dollari, può essere attribuita a svalutazioni di asset e cancellazioni: le major hanno rivalutato la loro strategia per concentrarsi sulla transizione energetica e diventare meno dipendenti dal petrolio. La loro produzione combinata di petrolio e gas è diminuita di quasi il 5%, o 0,9 milioni di barili di petrolio equivalente al giorno, nel 2020 rispetto all’anno precedente.

L’IMPATTO DOVUTO AGLI OBIETTIVI SULLE EMISSIONI E L’ENERGIA PULITA
Anche obiettivi di emissioni inferiori e domanda di energia più pulita hanno avuto un impatto significativo sulle prospettive di produzione a lungo termine per le major. Rystad Energy prevede che la produzione netta delle major sarà di circa 17,5 milioni di boepd nel 2025 e raggiungerà un picco di circa 18 milioni di boepd nel 2028.

CHOUDHARY: CI SI PUÒ ASPETTARE UNA CERTA RIPRESA NEL PROSSIMO FUTURO
“L’anno scorso ha sicuramente testato le major del petrolio e del gas come mai prima. Ci si può aspettare una certa ripresa nel prossimo futuro, poiché la domanda è in ripresa e il prezzo del petrolio supera i 60 dollari. Tuttavia, la chiave del successo per le cinque major nel prossimo decennio sarà rafforzare la loro attività in regioni più resilienti, ristrutturare e ridimensionare per soddisfare le esigenze del mercato e ripagare i loro elevati livelli di debito”, ha affermato Rahul Choudhary, analista a monte di Rystad Energy.

LE PERDITE
L’utile netto delle major è diminuito bruscamente lo scorso anno, poiché i bassi prezzi del petrolio, i tagli alla produzione dell’OPEC, il crollo dei margini di raffinazione e i margini deboli della chimica non hanno lasciato indenni segmenti di attività, ha ammesso la società di consulenza energetica. Tutte e cinque le major hanno registrato perdite nette nel 2020 con ExxonMobil al primo posto con 22,4 miliardi di dollari, seguita da Shell e BP che hanno subito perdite per oltre 20 miliardi di dollari. Total e Chevron hanno ottenuto risultati migliori rispetto ai loro colleghi, relativamente parlando, poiché le due società hanno registrato perdite nette da 5 miliardi a 6 miliardi di dollari.
Prima del Covid-19 e del crollo dei prezzi, la maggior parte delle aziende aveva ipotizzato un prezzo del petrolio compreso tra 70 e 80 dollari al barile, il che ha permesso loro di perseguire diversi progetti a costi più elevati. Dopo il crollo dei prezzi e con la continua incertezza sulla futura domanda di petrolio, le aziende hanno ridotto le loro ipotesi sui prezzi tra 55 e 70 dollari al barile, rendendo non realizzabili progetti ad alto costo.

SHELL E BP AL TOP DEL CALO DI PRODUZIONE
Le major europee Shell e BP hanno rappresentato il più grande calo di produzione su base annua con circa 300.000 boepd ciascuna, mentre ExxonMobil e Total hanno ridotto la loro produzione rispettivamente di 200.000 boepd e 150.000 boepd. Chevron è stata l’unica grande ad aumentare la sua produzione nel 2020, in gran parte a causa dell’acquisizione da 13 miliardi di dollari di Noble Energy che ha parzialmente compensato le riduzioni della produzione.

Fonte startmag.it – Articolo di Alessandro Sperandio

Mostra di più

Articoli Correlati

Back to top button