NewsRassegna Stampa

Controlli dei carabinieri in 4 autolavaggi “low cost”

MACERATA – Il Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Macerata e personale del Gruppo Carabinieri per la Tutela del Lavoro di Venezia, coadiuvati dal Servizio Ispettivo della ITL di Macerata e dell’Arma territoriale, coordinati dalla Procura di Macerata, hanno eseguito una serie di controlli presso n. 4 attività gestite da cittadini stranieri, esercenti attività di lavaggio auto “low cost”.

Si è proceduto al sequestro preventivo di due autolavaggi siti rispettivamente nella zona di Civitanova Marche e Tolentino, gestiti da un cittadino egiziano ed uno pakistano. Più precisamente da qualche giorno i Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro, monitoravano i lavoratori impiegati negli autolavaggi, impiegati incessantemente tutti i giorni compresa la domenica, senza l’utilizzo di dispositivi di protezione individuale generici e specifici per il contagio anticovid. L’alta affluenza degli automobilisti era determinata soprattutto dal basso costo delle prestazioni lavorative (circa 10-15 euro ad auto).

Nella giornata di venerdì personale dei Carabinieri Ispettorato del lavoro, Servizio Ispettivo e Carabinieri dell ’Arma territoriale hanno proceduto ad una serie di controlli a seguito dei quali è emerso per tutte le aziende controllate:

la completa assenza della normativa obbligatoria in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro (risultata del tutto assente e in un caso addirittura contraffatta) e nello specifico non era stato elaborato alcun DVR (documento di valutazione dei rischi), non era stata fornita alcuna informazione/formazione ai lavoratori nonché non era stata garantita la sorveglianza sanitaria per gli stessi;

l’impiego dei lavoratori privi di dispositivi di protezione individuale generici e specifici anti contagio covid-19, violazione che ha determinato il provvedimento di chiusura per 5 giorni ai sensi del DPCM 26.04.2020 (per tutte le aziende controllate).

Nel corso delle attività di cui sopra, sono state rilevate numerose violazioni dei diritti dei lavoratori, tuttavia ancora in fase di accertamento, nonché gravi violazioni in materie di sicurezza e salute dei lavoratori.

Fonte ilcittadinodirecanati.it

Mostra di più

Articoli Correlati

Back to top button