NewsRassegna Stampa

Stellantis, a Termoli la gigafactory italiana. 30 mld nell’auto elettrica e nel software. 4 nuove piattaforme

l quarto gruppo dell’auto mondiale annuncia una fabbrica di batterie e una strategia di elettrificazione con nuove piattaforme per 14 marchi del gruppo, inclusi, gli americani Dodge e Ram.

I punti chiave

  • La gigafactory di Termoli
  • La nuova famiglia di piattaforma STLA e le sue declinazioni
  • I motori elettrici
  • Il software e le batterie: arriva lo stato solido
  • I costi delle batterie.
  • Le reti di ricarica
  • Le sinergie

Parte con il botto, il mega evento EV 2021 Day di Stellantis. Carlos Taveres, ceo del gruppo nato cinque mesi fa dalla fusione tra Psa e Fca, annuncia che a a Termoli in Italia ci sarà la terza gigafactory in Europa. Stellantis investirà oltre 30 miliardi di euro entro il 2025 nell’elettrificazione e nel software. L’obiettivo è che i veicoli elettrificati arrivino a rappresentare oltre il 70% delle vendite in Europa e più del 40% di quelle negli Stati Uniti entro il 2030.L’obiettivo di Stellantis è che i veicoli elettrificati «arrivino – dice Tavares – a rappresentare oltre il 70% delle vendite in Europa e più del 40% di quelle negli Stati Uniti entro il 2030. E nel futuro di Stellanti ci sono quattro piattafforme per le elettriche e anche le batterie a stato solido.

La gigafactory di Termoli

  • «Il fabbisogno – dice Carlos Tavares – di batterie e componenti per EV di Stellantis sarà soddisfatto grazie a un totale di cinque gigafactory in Europa e in Nord America e l’allocazione del terzo sito europeo in Italia, dopo quelli in Francia e Germania, è la conferma dell’impegno di Stellantis in Italia e della volontà dell’Azienda di continuare ad investire sul suo sistema produttivo». Secondo il gruppo, l’identificazione dell’impianto di Termoli rappresenta una scelta coerente nel contesto del percorso di Stellantis verso la completa transizione energetica, sulla scia di quanto annunciato per Douvrin in Francia e per Kaiserslautern in Germania.“Stellantis – ha detto Tavares – sta lavorando con determinazione e velocità per anticipare e supportare la transizione energetica di tutti i suoi siti industriali italiani, con l’obiettivo di garantirne la sostenibilità attraverso il miglioramento delle loro performance e per far giocare al Paese un ruolo strategico tra i principali mercati domestici del Gruppo. Il piano sarà divulgato e comunicato con un approccio graduale e al momento opportuno”, ha concluso il numero uno.
  • Lo stabilimento di Termoli, in provincia di Campobasso Molise attualmente ha circa 2.500 dipendenti. La fabbrica è stata aperta nel 1972 e si è specializzata nella produzione di motori e trasmissioni.
  • Lo stabilimento di Termoli si estende su una superficie 1,2 milioni di metri quadrati. Secondo il procedente piano di Fca (che con Psa ha dato vita a Stellantis), l’impianto di Termoli avrebbe dovuto continuare a produrre motorizzazioni tradizionali e ibride. Allo stato, non è stato ancora deciso se ci sarà una totale riconversione del sito o se la gigafactory per la produzione delle batterie affiancherà quello dei motori.

La nuova famiglia di piattaforma STLA e le sue declinazioni

  • Stellantis, in particolare, ha sviluppato una nuova famiglia di architetture multiruolo battezzata STLA pronta a dar vita alla futura gamma elettrificata dei 14 brand appartenenti al gruppo. Le piattaforme sono progettate con un alto livello di flessibilità (lunghezza e larghezza) e condivisione dei componenti, creando economie di scala con cui ogni piattaforma potrà supportare fino a due milioni di unità ogni anno.
  • Le quattro versioni della piattaforma, che ovviamente hanno elementi in comune, sono:
  • STLA Small, con un’autonomia fino a 500 km/300 miglia;
  • STLA Medium, con un’autonomia fino a 700 km/440 miglia;
  • STLA Large, con un’autonomia fino a 800 km/500 miglia;
  • STLA Frame, con un’autonomia fino a 800 km/500 miglia.
  • Queste quattro piattaforme che saranno l’ossatura portante dei veicoli elettrificati dei brand del gruppo sono studiate in modo sinergico, con elementi in comune, ma gli ingegneri non hanno seguito l’approccio della taglia unica, della piattaforma universale modulare stile Volkswagen, ma hanno preferito un design ad hoc per ogni categoria di auto (piccole, grandi e medie) in modo da ottimizzare i processi produttivi e ridurre i costi industriali. Le piattaforme sono infetti concepite con un alto livello di flessibilità (lunghezza e larghezza) e condivisione dei componenti, creando economie di scala con cui ogni piattaforma potrà supportare fino a due milioni di unità ogni anno.
  • L’autonomia e la ricarica rapida sono stati considerati fattori cruciali per l’adozione su larga scala dei veicoli a ioni di litio. Stellantis affronterà questa sfida con un’offerta di Bev (Battery electric vehicle) che raggiunge autonomie comprese tra 500 e gli 800 km, con capacità di ricarica rapida di 32 km al minuto.

I motori elettrici

I powertrain sarà affidata ad una famiglia di tre moduli di azionamento elettrico (EDM) che uniranno motore elettrico, cambio e inverter. questi EDM, compatti e flessibili, sono facilmente scalabili e possono essere configurati per la trazione anteriore, posteriore, integrale e 4xe (quella usata dalle Jeep elettrificate). Questo insieme di piattaforme, EDM e pacchi batteria ad alta densità energetica – spiega il gruppo – darà origine a veicoli con prestazioni eccellenti in termini di efficienza, autonomia e ricarica.

Il software e le batterie: arriva lo stato solido

  • Gli aggiornamenti della nuova generazione di vetture elettriche e di veicoli commerciali leggeri utilizzerà aggiornamenti online OTA (over-the-air) come avviene per gli smartphone. Una scelta che, a partire da Tesla stanno adottando tutti i costruttori.
  • Inoltre, l’interfaccia utente dei sistemi di bordo e di infotainment sarà personalizzata e concepita per preservare le caratteristiche tipiche di ogni brand: una Alfa Romeo deve restare tale, non può avere i comandi di un pick-up Ram
  • I pacchi batterie saranno configurati in modo differenziato per diverse tipologie di veicoli – dalle configurazioni più piccole per le city car fino ai pacchi ad alta densità energetica destinati ai veicoli commerciali e alle vetture ad alte prestazioni.
  • Per il 2024 è previsto l’impiego di due tipologie di batterie in risposta alle diverse esigenze dei clienti: un’opzione ad alta densità energetica e un’alternativa priva di nichel e cobalto.
  • A partire dal 2026 è invece prevista l’introduzione delle batterie allo stato solido che rappresentano il futuro dell’auto elettrica.Stellantis punta a joint venture per diverse tecnologie essenziali, che vanno dall’elettrificazione dei powertrain e delle trasmissioni alla chimica e alla produzione delle celle per batterie fino al cockpit digitale e ai servizi connessi personalizzati. Queste partnership dovrebbero dare Stellantis l’opportunità di sfruttare non solo le competenze interne, ma anche le specializzazioni dei partner per accelerare l’introduzione sul mercato di nuove tecnologie e soluzioni e ottimizzare, al contempo, l’allocazione del capitale per rafforzare ulteriormente la sua competitività sul mercato.

I costi delle batterie.

L’obiettivo di Stellantis è ridurre i costi dei pacchi batterie di oltre il 40% entro il 2024 e di un ulteriore 20% o più entro il 2030. Tutti gli aspetti del pacco batterie – secondo il gruppo – possono concorrere alla riduzione dei costi: l’ottimizzazione generale del pacco, la semplificazione del formato dei moduli, l’aumento delle dimensioni delle celle e i progressi nella chimica delle batterie. Il colosso dell’auto intende massimizzare il valore delle batterie nell’intero ciclo di vita attraverso la riparazione, la rigenerazione, il riutilizzo e il riciclo e creare un sistema sostenibile, che ponga al centro le esigenze dei clienti e le tematiche ambientali.

Le reti di ricarica

La strategia di Stellantis per promuovere la diffusione delle reti di ricarica parte dal Sud Europa con l’obiettivo di diffondere la rete anche in Nord Europa, per poi passare al Nord America e come ulteriore tappa al Sud America. Gli obiettivi per l’Europa sono al 2025 di avere oltre 1.500 location con circa 5mila punti di ricarica veloce e per il 2030 il target è di arrivare a 9mila punti con oltre 35mila punti di ricarica veloci.

Le sinergie

  • La riduzione dei costi è una priorità per Stellantis, che punta a rendere il costo totale di proprietà degli EV equivalente a quello dei veicoli con motore a combustione interna entro il 2026.
  • Stellantis intende diventare leader di mercato nei veicoli a basse emissioni (LEV). Da qui al 2030, il mix di veicoli a basse emissioni (ibrido a vario titolo ed elettrici) di Stellantis è destinato a crescere stabilmente in Europa oltre il 70% – 10 punti percentuali in più rispetto alle attuali ipotesi del settore sul mix del mercato generale. Negli Stati Uniti, il mix LEV di Stellantis per autovetture e veicoli commerciali leggeri dovrebbe superare il 40% entro il 2030.
  • L’azienda riconferma l’impegno a espandere la sua leadership nei veicoli commerciali in Europa, a rafforzare la propria posizione in Nord America e a diventare leader mondiale nei veicoli commerciali elettrici. Facendo leva sulle conoscenze e sulle sinergie disponibili, nei prossimi tre anni il percorso di elettrificazione dei veicoli commerciali si estenderà a tutti i prodotti e a tutte le Regioni, anche con l’offerta di furgoni alimentati da celle a combustibile a idrogeno entro la fine del 2021.
  • La roadmap di Stellantis per l’elettrificazione abbraccia l’intera catena del valore. Con la sua strategia di approvvigionamento delle batterie per i veicoli elettrici, l’azienda prevede di assicurarsi oltre 130 gigawattora (GWh) di capacità entro il 2025 e oltre 260 GWh entro il 2030. Il fabbisogno di batterie e componenti per auto elettriche al 100%sarà soddisfatto grazie a un totale di cinque gigafactory in Europa e in Nord America, a cui si aggiungeranno altri contratti di fornitura e partnership a supporto della domanda totale.

Fonte ilsole24ore.it – Articolo di Mario Cianflone

Mostra di più

Articoli Correlati

Back to top button