NewsRassegna Stampa

SCARICHI ABUSIVI, SEQUESTRATO AUTOLAVAGGIO A LATERZA

A Laterza (Taranto), i carabinieri forestali e del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale, Agroalimentare e Forestale di Taranto, hanno controllato un autolavaggio, constatando che l’attività era priva di autorizzazione allo scarico.

In considerazione delle norme che disciplinano il corretto scarico e smaltimento delle acque provenienti dal lavaggio delle autovetture, definite “acque reflue industriali” in quanto molto inquinanti, le stesse devono subire, all’interno dello stabilimento, uno specifico trattamento di depurazione, a seguito del quale, con apposita autorizzazione, possono essere convogliate nel sistema fognario cittadino.

Inoltre, il piazzale sul quale venivano effettuate le operazioni di lavaggio, asciugatura, aspirazione e pulizia interna degli autoveicoli, era totalmente privo di un sistema di raccolta, convogliamento e trattamento delle acque meteoriche e di lavaggio..

Coadiuvati dai tecnici dell’Acquedotto Pugliese, i carabinieri hanno sequestrato l’attività, ponendo i sigilli sia all’allaccio idrico sia a quello fognario.

Il titolare dell’autolavaggio è stato deferito all’Autorità Giudiziaria, per i reati di scarico illecito di acque reflue industriali e di scarico illecito di acque meteoriche.

La pratica degli scarichi abusivi derivanti dalle attività artigianali ed industriali è spesso una delle cause delle disfunzioni dei depuratori pubblici, rappresentando uno degli aspetti più critici della più generale problematica dell’inquinamento delle risorse idriche della nostra regione.

Fonte corriereditaranto.it

Mostra di più

Articoli Correlati

Back to top button