NewsRassegna Stampa

Scorte petrolifere, in Gazzetta gli obblighi 2021.

Pubblicato il decreto Mite. Dal 1° luglio 8.053.000 tep.

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale di venerdì 26 marzo il decreto Mite 16 marzo 2021 che fissa l’ammontare delle scorte di sicurezza di greggio e/o prodotti petroliferi, a partire dal 1° luglio 2021 (inizio dell’anno di scorta), in 8.053.000 tep (contro i 10.849.000 tep del 2020).

Il decreto, anche per l’anno in corso, dispone l’esclusione dall’obbligo per il Gpl. Nell’elenco sono compresi jet fuel (del tipo cherosene), gasolio (olio combustibile distillato) e olio combustibile (ad alto e basso tenore di zolfo) “che rappresentano insieme oltre il 75% del consumo interno nell’anno 2020”.

Le scorte in prodotti ammontano complessivamente, a livello Paese, a 2.684.333 tep, di cui le scorte specifiche dell’Ocsit sono 2.415.900 tep, mentre i rimanenti stock di sicurezza ammontano a 6.565.432 tep.

Per l’anno di scorta 2021 all’Ocsit è assegnato un obbligo di detenzione di scorte specifiche pari a 27 giorni (17 nel 2020). “Le scorte in prodotti con le stesse caratteristiche di quelle specifiche sono conseguentemente pari a tre giorni”. Ne consegue, precisa il provvedimento che per l’anno di scorta 2021 a carico dei soggetti obbligati “sono disposti obblighi di delega nei confronti dell’Ocsit stesso per 27 giorni.

Infine, il decreto mantiene i limiti percentuali dei biocarburanti detenibili da ciascun soggetto obbligato a copertura dell’obbligo di scorte di sicurezza e scorte in prodotti: 25% per quelli miscelabili con il gasolio e 10% per quelli miscelabili con la benzina.

Fonte ansa.it

Mostra di più

Articoli Correlati

Back to top button