NewsRassegna Stampa

“Nelle particelle d’acqua ci sono legionella e altri batteri”. Il sindaco Spazzafumo chiude un autolavaggio di Porto d’Ascoli

Dopo il sopralluogo effettuato da vigili urbani, personale della Ciip e da sanitari e tecnici dell’Asur

Il sindaco Antonio Spazzafumo ha firmato un’ordinanza con la quale ha imposto l’immediata cessazione di attività ad un autolavaggio di Porto d’Ascoli in seguito ad un sopralluogo della Ciip e della polizia locale e dell’Asur per verificare la situazione igienico sanitaria. E’ emerso che “si è rilevato che i residenti degli appartamenti sovrastanti e degli edifici limitrofi all’autolavaggio, nonché chiunque frequenti la sua area di pertinenza esterna risultano direttamente esposti a imbrattamento molesto per diffusione di nebulizzazione acquosa mediante aerosol maleodorante e residui di sporco delle auto unitamente ai prodotti detergenti utilizzati”.

Ma stando alla relazione si è verificata anche la diffusione di “contaminanti fisici, chimici e biologici come residui di sporco, legionella e altri batteri e virus veicolati dalle particelle di acqua atomizzata sospesa in atmosfera derivanti dall’utilizzo delle lance ad alta pressione” oltre all’incremento dei gas di scarico “notoriamente tossici”. A questo si aggiungono altre situazioni che hanno visto il primo cittadino firmare l’ordinanza con la quale intima la cessazione immediata dell’attività alla società che gestisce l’autolavaggio.

Fonte lanuovariviera.it

Mostra di più

Articoli Correlati

Back to top button